+39 049 520 6099 academy@lab4int.org

Breve nota sulla Grafobiometria

Le normative italiane ed europee nell’ambito della dematerializzazione degli atti hanno imposto una rivoluzione digitale applicata al settore privato e a tutta la pubblica amministrazione, permettendo la sottoscrizione elettronica di documenti che presentano la stessa validità giuridica dei documenti cartacei. Le Firme Elettroniche sono per definizione di legge “dati in formato elettronico
acclusi oppure connessi […] ad altri dati elettronici ed usati dal firmatario per firmare” (1).
La Firma Grafometrica è una particolare forma di Firma Elettronica Avanzata che viene apposta attraverso device dedicati (tablet ma anche smartphone) in una modalità che ricorda all’utente il modo tradizionale di firmare manualmente. Si tratta però – a tutti gli effetti – di una Firma Elettronica, in cui lo scrivente è identificato da un set di dati informatico-biometrici.
Le Firme Grafometriche, valide nei rapporti tra l’utente e chi eroga il servizio, posseggono lo stesso potenziale di disconoscimento delle firme cartacee e sia il Codice di Procedura Penale sia quello di Procedura Civile affermano con estrema chiarezza che il Consulente Tecnico e/o il Perito devono possedere specifiche competenze nella materia in trattazione (2). In un documento/file sottoscritto elettronicamente, il tracciato di firma che appare e che assume la parvenza di firma manoscritta tradizionale non è in realtà la firma del sottoscrittore, ma una rappresentazione grafica di tipo convenzionale che risponde alla necessità dell’utente di riconoscersi visivamente in un tracciato che somigli a quel prodotto grafico che abitualmente appone sulla carta. Ne consegue che in caso di contenzioso il professionista chiamato ad effettuare gli accertamenti dovrà adottare metodologie e protocolli atti a valutare non un tracciato grafico di tipo fisico,  ma un set di dati biometrici: pertanto le competenze richieste differiscono in modo sostanziale da quelle della grafologia “tradizionale” che opera su documenti cartacei, poiché una Firma Grafometrica si compone di dati informatici e biometrici, costituiti da una matrice.
Inoltre, per sua natura, la firma grafometrica rientra nella categoria dei dati personali garantiti il cui trattamento è regolamentato dalla legge, prevede specifici livelli di sicurezza ed una filiera di responsabilità che si riflettono anche nel percorso giudiziario.
Il professionista specializzato con formazione e competenze specifiche è Il Grafobiometrista®, appartenente alla Associazione senza scopo di lucro denominata Grafobiometristi Italiani Associati.
L’Associazione aderisce alle previsioni normative previste dal Codice di Consumo; è dotata di un proprio Codice di Comportamento a vigilanza della professionalità e della correttezza deontologica dei propri iscritti; cura la formazione e l’aggiornamento continuo dei professionisti associati, è munita di protocolli operativi elaborati in ambito accademico che disciplinano tutta l’attività forense, prevedendo anche una giusta filiera di sicurezza informatica e di trattamento dei dati personali.
L’Associazione si occupa inoltre della formazione e informazione degli operatori del settore Giustizia organizzando incontri e convegni.
L’Associazione si rende disponibile per ogni approfondimento, attraverso i canali web: http://www.grafobiometristi.it/

A cura per il Direttivo Grafobiometristi Italiani Associati, Socio Fondatore Mirka Mantoan.

(1) Regolamento europeo EIDAS 912\2014 sull’identità digitale (Electronic IdentificationAuthentication and Signature) introdotto nel luglio 2016. La normativa in materia è costituita principalmente oltre al già citato EIDAS, dal CAD (Codice di Amministrazione Digitale – D.Lgs 07/03/2005) e dal Garante della Privacy (Provvedimento generale prescrittivo in tema di biometria 12-11-2014 n.513).
(2) Il Garante della Privacy ha esplicitamente affermato che in caso di contenzioso su una Firma Grafometrica la competenza per le analisi forensi rimanga in capo al “perito calligrafo (Provvedimento n. 513/2014).

Descrizione Dipartimento

IN COLLABORAZIONE CON:

Seminari Informativi e Corsi

Pin It on Pinterest

Share This